sabato 28 gennaio 2012

MY FRENCH FILM FESTIVAL

Una delle "missioni" di Cinemystic, come ormai ben sapete, è promuovere il cinema di qualità, spesso trascurato dai principali canali distributivi. Ecco perché, in direzione uguale e contraria rispetto al precedente post dedicato alle ridicole scelte dell'Academy per i prossimi Oscar, ci piace oggi segnalare una bellissima iniziativa, da supportare senza indugio e con ogni mezzo disponibile: il My French Film Festival, giunto alla seconda edizione e in corso di svolgimento con scadenza fissata a martedi prossimo.

L'evento consiste in una serie di film francesi, selezionati per l'occasione, usciti di recente nei cinema transalpini, e diretti da autori giovani, promettenti e in qualche caso esordienti. Il festival si svolge interamente online: a questo link, infatti, è possibile visionare, in streaming, i titoli in concorso. Il tutto legalmente, e in alcuni paesi tra cui l'Italia, gratis. Oltretutto, tutti i film sono sottotitolati in moltissime lingue, tra cui l'italiano, e per ogni lavoro sono disponibili anche video interviste realizzate ad hoc con i registi e gli attori, oltre alle biografie degli stessi. Si possono anche esprimere le proprie opinioni, commentando e votando i film; alla fine saranno assegnati un premio deciso da una giuria internazionale, e un ulteriore premio relativo proprio alle preferenze del pubblico.

Un progetto innovativo, bellissimo e assai utile, perché si parla di film altrimenti invisibili al di fuori del paese d'origine, tranne per qualche eventuale passaggio festivaliero.

Tra i titoli in concorso, impossibile non citare subito La Reine des pommes, esordio della splendida Valérie Donzelli (colei che ha poi ideato, scritto, diretto e interpretato il meraviglioso La guerre est déclarée); ecco dunque un'occasione unica per recuperare la sua opera prima, con la possibilità, lo ribadiamo, di avere anche i sottotitoli in italiano. Tra gli altri, abbiamo poi anche J'aime regarder les filles, frizzante triangolo sentimentale ambientato all'inizio degli anni ottanta e interpretato da Pierre Niney, attore della Comedie Française, insieme alla rivelazione Audrey Bastien; Pauline et François, melodramma sentimentale di notevole intensità; Huit fois debout, dolente commedia dedicata al precariato nel mondo del lavoro; D'amour et d'eau fraiche, con la presenza del bravo Pio Marmai, stella in divenire del cinema francese (è già stato protagonista del bellissimo Le premier jour du reste de ta vie di Bezançon); il sofferto Belle épine, con Léa Seydoux.

Tutti i film meriterebbero comunque una visione, e nella lista ci sono anche diversi cortometraggi e qualche pellicola fuori concorso (tra cui un omaggio al passato con l'indimenticabile Jean Gabin in La traversée de Paris).

Un'iniziativa fantastica, da applaudire e lodare. Un'idea da cui si dovrebbe trarre esempio. Speriamo possa proseguire anche nei prossimi anni, e crescere sempre più. Intanto, però, affrettavi: siamo quasi alla fine, ma fino a martedì c'è ancora tempo per collegarsi al sito e vedere del cinema di ottima fattura. Francese. Legamente. Gratis. Meglio di così...

Nessun commento: