giovedì 17 novembre 2011

HORROR FESTIVAL, I VINCITORI

Autunno. Tempo di horror festival italici, almeno quei pochi che ancora riescono a sopravvivere nel disastro culturale che ormai ha totalmente fagocitato l'ex Bel Paese. Nel giro di pochi giorni si sono susseguite le tre manifestazioni nostrane più importanti legate al cinema di genere, ovvero il Ravenna Nightmare, il Tohorror, e lo Science + Fiction di Trieste. Può essere forse interessante dare un'occhiata ai verdetti emersi nei rispettivi concorsi dedicati ai lungometraggi.


Risulta senz'altro apprezzabile e condivisibile la notizia che riporta come Monsters, del sudafricano Gareth Edwards, abbia vinto il primo premio a Trieste. Un film di altissimo livello, capace di fuggire da tutti gli stereotipi legati al sempre più inflazionato filone incentrato sulle invasioni aliene, e in grado di operare una sorprendente fusione tra l'orrore della narrazione e un afflato poetico, intimo, perfino commovente. Un lavoro davvero ottimo, tra i migliori prodotti di genere visti negli ultimi anni. Per chi non l'avesse ancora visto il consiglio è senza dubbio l'immediato recupero.

Al tradizionale e benemerito ToHo
rror Festival, sotto la Mole, ha invece vinto lo svizzero Sennentuntschi, di Michael Steiner. Verdetto tutto sommato corretto, per un film non esente da numerosi difetti, ma anche originale, sincero, e permeato da un alone inquietudinale senza dubbio scevro da pleonasmi e manierismi. Per approfondimenti vi rimando alla recensione completa pubblicata qui su Cinemystic poco tempo fa.

Appare invece a dir poco discutibile il risultato del Ravenna Nightmare, la cui giuria ha decretato la vittoria del pessimo Secuestrados, dell'iberico Miguel Angel Vivas. Un lavoro assai derivativo, che utilizza come palese modello di riferimento l'Haneke di Funny Games per proporre una messinscena infarcita di stereotipi, banalità assortite, svolte elementari, personaggi insopportabili e scelte tecniche (i reiterati split screen) risibili e infantili. L'ennesima conferma di quanto il cinema di genere spagnolo sia molto sopravvalutato.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Nonostante io sia della zona, non ero mai stato al Ravenna Nightmare. Quest'anno sono finalmente riuscito ad andarci per un paio di giorni (sacrificando il LuccaComix) e mi hanno propinato una sfilza di film indecenti! Non ho visto Secuestrados (e dubito che lo farò, dal momento che hai confermato che si tratta di un'altra home invasion senza spunti), ma Skew e The Bunny Game sono stati sufficienti a farmi rimpiangere l'acquisto dell'abbonamento, per quanto a buon mercato.

Comunque, felice di trovare Cinemystic su Blogspot, trovo sia molto meglio di Splinder!

Alessio Gradogna ha detto...

Grazie di essere passato da queste parti, "anonimo". Non ero presente a Ravenna per cui non posso valutare gli altri film in concorso, mi spiace comunque che la qualità media non sia stata sufficiente.

Riguardo a Secuestrados sì, confermo, è un film la cui visione può tranquillamente essere evitata, in quanto davvero non offre alcun significativo spunto d'interesse.

Babol ha detto...

Anche tu hai traslocato da queste parti!!
Bene sono contenta, il tuo era uno dei blog che più mi faceva piacere seguire su Splinder, anche per la costante presenza di begli horror da scoprire e conoscere!

Alessio Gradogna ha detto...

Ciao, felice di ritrovarti anche qui. Se vorrai continuare a leggere Cinemystic ne sarò lieto. Intanto provvedo a modificare il link al tuo blog che ho inserito tra i miei "preferiti". :)